I valori non materiali

 

 

Nel Buddhismo i valori tradizionali non sono materiali: compassione, non violenza, e generosità, giusto per citarne alcuni. Quindi, per essere un buon essere umano, dobbiamo rinunciare al benessere materiale? Affatto. La ricchezza materiale non è in sè una cosa negativa. Come insegna Thaye Dorje, Sua Santità il 17esimo Karmapa:
“Il benessere esteriore, cioè, benessere materiale, può essere uno strumento benefico se usato in maniera appropriata.”
Quando investiamo nella Ricchezza Interiore, useremo in modo naturale la nostra ricchezza esteriore nel modo più benefico. Per iniziare, abbiamo bisogno di apprezzare il valore dei valori.
“E’ essenziale che i valori non materiali siano supportati, per aiutarci a coltivare degli esseri umani equilibrati e di beneficio, i quali utilizzano la loro ricchezza materiale per il più grande beneficio altrui.”
Coltivare i valori non materiali ci guida verso il nostro stato innato di pace e felicità.
Il Karmapa, come parte dirigente nell’area di promozione dei valori non materiali, ha partecipato alla Giornata Internazionale della Pace e fu anche un sostenitore della Giornata Internazionale della Felicità.
Attraverso un blog sul “Huffington Post”, l’iniziativa “Wealth of Europe e i post sui social media, il Karmapa è impegnato in una continua conversazione globale riguardo il valore dei valori.
Egli afferma:
” Quando sosteniamo lo sviluppo dei valori non materiali, come evidenziato nell’iniziativa “Ricchezza dell’ Europa”, possiamo vedere chiaramente come valori quali la nonviolenza, la compassione, la dignità, la collettività, e la famiglia, possono aiutarci a costruire un più bilanciato e benefico futuro per tutti noi.”